• Oggi è: mercoledì, gennaio 16, 2019

Sutri, un fabbro scrive al sindaco Vittorio Sgarbi: “Paga i buffi”

49719570_2441167362564183_7373315788930809856_n

Il fabbro Silvestro Calcagni di Sutri (VT) ha scritto un post sul suo profilo di Facebook per chiedere al sindaco della città, il conosciutissimo Vittorio Sgarbi,  il  pagamento di circa mille euro, che l’amministrazione gli deve per aver realizzato, su commissione della stessa, numerose targhe commemorative affisse per le vie della cittadina. La richiesta/sfogo dell’artigiano, appare sicuramente molto “colorata”, ma di sicuro impatto:  “Vorrei fare un appello a questi buffoni politicanti da mille lire di non venire a prendere questa targa. Dato che pensate di essere furbi e prendere x il culo la gente adesso avete rotto il caxxo di mettervi cravatte su cravatte e banchetti su banchetti… PAGATE I BUFFI che ce ne stanno tanti poracci d’animo… un saluto il Fabbro delle targhe, dimenticavo me dovete 1100 euro più 5 targhe in sospeso… auguri di buon anno a tutti”. La targa rimasta in sospeso, ancora nelle mani dell’artigiano, è quella dedicata a Sergio Marchionne (foto sopra). Ovviamente il messaggio ha suscitato commenti a gogo da parte dei cittadini (alcuni anche molto ironici), e anche da parte del  vice sindaco di Sutri, Felice Casini, che ha confermato l’esistenza di una determina con la quale è stato assunto l’impegno di spesa. E conferma il pagamento nei prossimi giorni. Scusandosi poi, per le incomprensioni burocratiche, evidentemente commesse dagli uffici preposti. Tutto e bene quel che finisce bene, anche se, sempre sullo stesso post del fabbro, altri commenti evidenziano altri mancati pagamenti, o meglio attese di determine. Se son buffi fioriranno…

 

 

 

Il tuo indirizzo email non verrà reso pubblico. I campi obbligatori sono marcati da un *

Puoi usare questi tag e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.