• Oggi è: sabato, giugno 6, 2020

Sperlonga, ancora sequestri, i carabinieri appongono i sigilli all’Hotel Ganimede

ganimede

Dopo diverso tempo dall’ultimo sequestro di una struttura alberghiera i carabinieri del comando provinciale tornano nella perla del Tirreno per occuparsi del Ganimede, hotel di proprietà di Francesco Faiola (sindaco facente funzioni) e Armando Cusani (sindaco della cittadina, agli arresti domiciliari per i fatti risalenti all’operazione Tiberio). Stamane (mercoledì 31 maggio), le forze dell’ordine su disposizione del Gip Giuseppe Cario, su richiesta del sostituto procuratore Giuseppe Miliano, hanno sequestrato l’intero albergo. Nove gli indagati tra cui i proprietari e l’ex responsabile dell’ufficio tecnico del comune Massimo Pacini. Alla base del provvedimento una serie di irregolarità: permessi illegittimi, aumento di volumetrie e la realizzazione della struttura ricettiva nell’ambito del Piano Integrato che, come noto, doveva invece servire per creare opere di pubblico interesse. Ora i gestori dell’hotel, dal valore di circa tre milioni di euro, hanno tre giorni per liberare la struttura, come riportato nel provvedimento.

Il tuo indirizzo email non verrà reso pubblico. I campi obbligatori sono marcati da un *

Puoi usare questi tag e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.