• Oggi è: mercoledì, febbraio 20, 2019

Sfruttamento del lavoro, bengalese arrestato (news con immagini)

maxresdefault-1

Bengalese di origine, 46 anni di età, un uomo è stato arrestato questa mattina (16 gennaio 2019) a Colleferro dai Carabinieri della locale compagnia con la collaborazione dei colleghi del Comando Carabinieri per la Tutela del Lavoro di Roma, con l’accusa del reato di intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro. Dopo una dettagliata attività investigativa infatti, le forze dell’ordine accertavano come il “caporale”, dopo aver reclutato quattro suoi connazionali, dai 24 ai 51 anni , li impiegasse su un terreno agricolo affidato in concessione alla società di cui era amministratore di fatto, sottoponendoli a condizioni di sfruttamento approfittando dello stato di bisogno in cui versavano. Il terreno, dove lavoravano queste persone, è di circa 25000 mq, coltivato ad ortaggi e canapa indiana. Sullo stesso sono stati sequestrati  due manufatti fatiscenti, senza pavimentazione, dove i quattro braccianti bengalesi erano costretti ad alloggiare privi di acqua e luce e delle più basilari condizioni d’igiene e sicurezza. Gli inquirenti hanno riscontrato, attraverso ricerche e appostamenti, come lo sfruttatore, per circa un anno, oltre ad impiegarli in “nero” pagandoli con un corrispettivo in denaro palesemente difforme alla retribuzione prevista, violasse le norme in materia di lavoro e sui riposi settimanali, nonché quelle in materia di sicurezza e igiene sui luoghi di lavoro snaturando di fatto il mercato in generale e la concorrenza nel settore. I Carabinieri hanno sequestrato, inoltre, conti correnti per il valore di euro 73.500. Il bengalese è ora rinchiuso nel carcere di Velletri, a disposizione dell’Autorità giudiziaria. Le immagini dell’operazione

Il tuo indirizzo email non verrà reso pubblico. I campi obbligatori sono marcati da un *

Puoi usare questi tag e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.