• Oggi è: lunedì, luglio 22, 2019

Orte, prostituzione, è guerra tra bande di rumeni

PROSTITUTE VIA ALTOFONTE-2-2-2

Sono cinque i protettori di origine rumena finiti in carcere. Gli uomini non solo avrebbero costretto delle connazionali a prostituirsi, ma hanno anche intrapreso una guerra con i clan rivali per l’aggiudicazione dei luoghi, vicino al casello autostradale, dove queste ragazze avrebbero dovuto “lavorare”. I 5 devono rispondere così di favoreggiamento della prostituzione, minacce, lesioni e tentata estorsione. Fatale, per far scattare le indagini, un episodio avvenuto proprio vicino al casello autostradale qualche anno fa. I carabinieri furono chiamati per intervenire in una rissa. Al loro arrivo trovarono due uomini armati di coltelli, spranghe, piedi di porco e bastoni. Il motivo dell’aggressione era legato alla vendetta, infatti pochi giorni prima, una loro protetta era stata picchiata da un clan nemico che voleva far posto ad una loro ragazza. Ora sono tutti a processo. Fissata a giugno la prossima udienza dove si tenterà di portare a testimoniare le due giovani donne.

 

Il tuo indirizzo email non verrà reso pubblico. I campi obbligatori sono marcati da un *

Puoi usare questi tag e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.