• Oggi è: lunedì, febbraio 17, 2020

Fondi, “condiVisioni”, continua il viaggio teatrale delle Fonderie delle Arti – Signor Keuner

images

Fonderie delle Arti – Signor Keuner“, associazione culturale che si occupa di teatro a Fondi, è al terzo appuntamento della sua “condiVisioni“, la rassegna che ha visto come protagonisti sul palco di via Gioberti già due mostre, un monologo teatrale e un live set chillhop. Domenica 26 gennaio il Sig Keuner aprirà le sue porte al pubblico per “Io sugno“, di e con Davide Paciolla. Un racconto, un sogno o semplicemente un delirio? Probabilmente nessuna delle tre cose o, forse, tutte insieme. “Io sugno” infatti, potrebbe quasi definirsi un “non spettacolo”, in cui la coscienza della realtà si mescola all’incoscienza dei sogni. E si sogna per dimenticare, per sforzarsi di poter ancora credere in qualcosa o perché, banalmente, si è. Ed “essere” implica desiderare di divenire altro. Altro da sé, da ciò che crediamo di rappresentare e dall’immagine che gli altri hanno di noi. E come mille fantasmi che aleggiano nella mente di un individuo, così mille scene in questo testo si accavallano e si confondono riallacciandosi l’una all’altra in un continuo alternarsi tra realtà e fantasia. Essere chi? Cosa? E, ovviamente, essere o non essere? E così via sguazzando nell’inadeguatezza dell’esistere con uno sguardo al pubblico ed un altro all’ironia della vita. Ma si riesce poi davvero nella vita ad essere sé stessi o la rappresentazione di ciò che siamo inevitabilmente ci precede? Ma è possibile definire sé stessi in un momento in cui la nostra immagine è così vincolata a quella della massa? Quanto a parlare siamo davvero noi stessi e quanto, invece, siamo solo il riflesso di un sistema comportamentale collettivo? Non risulta, allora, inevitabile “l’uno, nessuno e centomila” pirandelliano? E non è, anzi, forse l’unica alternativa di una fedeltà a sé stessi altrimenti deviata? Una sequenza di immagini, di scene, di racconti. La commistione di una memoria vissuta ad una inventata: entrambe con ragione di esistere ed entrambe portatrici di verità che non si escludono affatto, ma che ironicamente, al contrario, si completano. Un divertissement per l’attore e per chi lo guarda, una risata amara nel viaggio onirico della realtà dei sogni. Il benvenuto come sempre sarà condiviso con lo staff della “Caffetteria Sole Luna” e la degustazione di un buon drink. Nella presentazione parteciperà anche un rappresentante del Comitato della Casa della Cultura Fondi, sostenitore dell’evento. Domenica 26 gennaio, ore 18:30 Via Vincenzo Gioberti n. 7, Fondi Per info e prenotazioni: 3270897299 – 3474760863

Questo slideshow richiede JavaScript.

Il tuo indirizzo email non verrà reso pubblico. I campi obbligatori sono marcati da un *

Puoi usare questi tag e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.