• Oggi è: venerdì, novembre 24, 2017

L’Europa e le sue sfide, il dibattito a Fondi

Da sinistra Impagliazzo, Tajani, Giro e Riccardi (foto Vincenzo Bucci)

di Fiorella Ialongo

Il Chiostro di S. Domenico a Fondi è stato, come da tradizione consolidata, la suggestiva location di un appuntamento che vede qualificati relatori dibattere su argomenti internazionali. Quest’anno gli autorevoli interventi sono stati quelli del Presidente del Parlamento Europeo Antonio Tajani, del Vice Ministro degli Affari Esteri Mario Giro, del Presidente della Società Dante Alighieri Andrea Riccardi con un intervento del Sindaco di Fondi Salvatore De Meo. L’evento si è svolto alla presenza delle massime autorità politiche, civili, religiose del comprensorio e di Don Marco Gnavi, vicepresidente della Comunità di S. Egidio. Moderatore dell’incontro è stato il Presidente della stessa Comunità Marco Impagliazzo. Il tema in oggetto è stato il futuro dell’Europa in occasione dei 60 anni dalla stipula dei Trattati di Roma. Dagli interventi dei relatori è emerso che i Trattati sono stati firmati dai primi sei Stati fondatori ed hanno istituito la Comunità economica europea (CEE) e la Comunità europea dell’energia atomica (Euratom). Tali documenti hanno rappresentato la piattaforma dei successivi Trattati compreso quello di Lisbona. La finalità principale del carteggio di Roma è stata quella di favorire la formazione di un’ unione che garantisse pace e prosperità durature. Questo anniversario riveste una particolare importanza in considerazione dei contesti interni ed esterni del nostro Continente. Per questo il Parlamento Europeo sta promuovendo un attento ed accurato dibattito sulle possibili strategie future comunitarie su tre temi nevralgici: migrazione, squilibri economici e Brexit. Tra le possibili soluzioni a questi problemi vi sono il sostegno sia all’economia reale attraverso una strategia di politica industriale articolata; sia il supporto ad una politica africana ad esempio con una sorta di “Piano Marshall” che dia non solo lavoro ma possa motivare le giovani generazioni a credere nel futuro del loro Paese a Sud del Mediterraneo. A tal fine sono necessari, tra gli altri, volontà politica e leader che siano in grado di manifestarla. Al termine dell’incontro il Presidente Tajani ci ha gentilmente concesso un’intervista in cui ha sottolineato come attraverso la loro unione gli Stati europei siano in grado di affrontare le grandi sfide che l’Europa deve affrontare ed assicurare un avvenire di libertà e di pace.

GUARDA LE INTERVISTE

Il tuo indirizzo email non verrà reso pubblico. I campi obbligatori sono marcati da un *

Puoi usare questi tag e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>